Roma

Al Vittoriano, tra Brunori e Renoir, le creazioni orafe più esclusive firmate Gerardo Sacco